NOTTURNO AL PASSO GIAU

"E quindi uscimmo a riveder le stelle"
Divina Commedia - Inferno - Dante Alighieri

Negli ultimi anni la fotografia astronomica o semplicemente quella notturna ha avuto un incredibile sviluppo grazie alle migliorate prestazioni delle fotocamere digitali in termini di sensibilità e riduzione del rumore.
Realizzare una buona immagine della volta celeste non è così difficile a patto di possedere l'attrezzatura adeguata,
un minimo di conoscenze tecniche e la possibilità di scegliere il luogo più adatto.
In questo caso mi trovavo al Passo Giau (Dolomiti) a soli 5 minuti di cammino dal parcheggio.
Lo scopo dell'uscita era quello di realizzare una immagine sferica (360°x180°) per il progetto TOPVIEW.

Con un treppiede molto robusto e una testa panoramica ho realizzato13 immagini (25 secondi/f2.8/ISO 3200)
per poi assemblarle in un'unica immagine sferica dalla quale è possibile ricavare diverse inquadrature grazie a trasformazioni stereografiche.

I 13 scatti realizzati per la composizione dell'immagine sferica

I 13 scatti realizzati per la composizione dell'immagine sferica

L'immagine equirettangolare (360°x180°) dopo l'elaborazione e l'inserimento della grafica

L'immagine equirettangolare (360°x180°) dopo l'elaborazione e l'inserimento della grafica

 
Trasformazione stereoscopica dell'immagine equirettangolare

Trasformazione stereoscopica dell'immagine equirettangolare

 

Questa la versione realizzata per TOPVIEW con l'inserimento di infografiche.


ATTREZZATURA UTILIZZATA:

Treppiede Manfrotto 058B + Testa panoramica 360Precision Giga
Nikon D800 + Nikkor 14-24mm 2.8
Adobe Photoshop + Lightroom
PTGui + Pano2VR


Vuoi approfondire l'argomento direttamente sul campo? Prenota un un corso su misura.